Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Nuovi Movimenti Religiosi una sfida educativa

La Rivista Coscienza e Libertà. Semestrale di libertà religiosa, laicità, diritti dal 1978, n. 53, 2016, p. 67 ha pubblicato una recensione del libro di Raffaella Di Marzio, Nuovi Movimenti Religiosi una sfida educativa. Benevento: Passione Educativa, 2016.

Il testo è stato pubblicato al seguente link: http://dimarzio.info/it/articoli/chi-sono/120-attivita/alcune-pubblicazioni/nuovi-movimenti-religiosi-una-sfida-educativa/476-recensione-nuovi-movimenti-religiosi-una-sfida-educativa.html

Perchè parlare sempre di "miracoli"? Una questione attuale e intramontabile tra prodigi, parareligioso e paranormale

Pubblichiamo un articolo di Enzo Fraschini tratto dalla Rivista Settimana, n. 22, 4/6/1995 (pag. 8 e 9).

L'autore per sviluppare il tema utilizza, tra le altre pubblicazioni, il volume degli Atti del Convegno di Roma, 1994: Religione o psicoterapia? Nuovi fenomeni e movimenti religiosi alla luce della psicologia. A cura di Mario Aletti, pubblicato da LAS.

Scarica l'articolo

Orientamenti Bibliografici (2012-2015) - Semestrale di letture

L'ultimo numero di Orientamenti Bibliografici della Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale pubblica, tra le altre, la voce "Psicologia della religione", curata da Mario Aletti.

"...Oggi il “ritorno alla religione” è enfatizzato dai mass-media e dalla cultura diffusa. La figura di Papa Francesco, l’autorevolezza dei suoi insegnamenti e il rinnovamento delle strutture ecclesiastiche che si è avviato sono seguiti quotidianamente dai mezzi di informazione, non meno peraltro, degli scandali che vedono coinvolti membri del clero. Ad un livello più colto, libri ed intere collane di successo parlano di de-secolarizzazione e di post-secolarizzazione, di ritorno dell’anima, di rinnovamento della Chiesa, di bisogno di credere, ma anche di spiritualità post-trascendente e di “religione senza Dio”. In questo vasto contesto c’è un rinnovato interesse su che cosa la psicologia può dire attorno al “religioso” (religione, religiosità, spiritualità, ma anche ateismo, superstizione, integralismi e fondamentalismi)...

1. L’analfabetismo religioso

2. Vocabolario religioso e dinamismi psichici

3. Non è mai troppo tardi

Scarica l'articolo

Aletti, M. (2015). Psicologia della religione. Voce in Orientamenti bibliografici. Semestrale di letture a cura della Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale. n. 46, pp. 50-57.

Rossi, G., & Aletti, M. (Eds.) (2009). Psicologia della religione e teoria dell’attaccamento. Roma: Aracne

Recensione di Milena Stevani, Rivista di Scienze dell'Educazione, n. 47(2009), pp. 619-621

Il volume, curato da Germano Rossi e Mario Aletti, si caratterizza per la specificità dell’approccio alla religiosità, analizzata alla luce della prospettiva dell’attaccamento. I diversi saggi, raccolti in quest’opera, sono frutto della rielaborazione dei principali lavori presentati all’11° Convegno internazionale della Società Italiana di Psicologia della Religione, che si è tenuto all’Università di Milano-Bicocca, nel giugno 2007.

Il contenuto è articolato in due parti. Nella prima parte è focalizzata la tematica dell’atteggiamento verso la religione in relazione ai legami di attaccamento.

Leggi tutto...

Aletti & De Nardi (2002). Psicoanalisi e Religione. Nuove prospettiva clinico-ermeneutiche

Aletti & De Nardi (2002). Psicoanalisi e Religione. Nuove prospettive clinico-ermeneutiche. Torino: CSE

Recensione di Maria Teresa Rufini, Studi Junghiani, n. 19/2004

Il volume raccoglie le relazioni del Convegno internazionale su Psicoanalisi e Religione, tenutosi a Verona nell’ottobre 2001. Dopo un lungo periodo di pregiudizi e di chiusure reciproche, era, forse da tempo, emersa l’esigenza di un nuovo confronto. Fin dagli anni Settanta, da parte di uomini di Chiesa, era emerso un certo interesse per l’ambito psicoanalitico, per le ricadute pastorali delle nuove e più profonde conoscenze che la psicoanalisi pareva apportare alla visione dell’uomo. Tuttavia, il fatto nuovo è che degli psicoanalisti si interroghino sulla religione, da e in quanto psicoanalisti e nella prospettiva della psicoanalisi.

Leggi l'intera recensione