Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Identità, pluralismo religioso ed educazione scolastica

Giornata di Studio

Identità, pluralismo religioso ed educazione scolastica

Programma della giornata

Bari, 13 aprile 2018 (ore 9,30 - 16,30)

Salone degli Affreschi, Palazzo Ateneo

Università degli Studi di Bari “A. Moro”

La giornata di Studio, organizzata dalla SIPR - Società Italiana di Psicologia della Religione in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione dell’Università di Bari, l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “S. Sabino” e la Facoltà Teologica Pugliese, con il patrocinio dell’Ordine degli Psicologi della Regione Puglia, è finalizzata a proporre e discutere, da una prospettiva psicologica, pedagogica e sociologica, aspetti salienti dell’identità e del pluralismo religioso (1° parte), valorizzandone le implicazioni nell’ambito dell’educazione scolastica (2° parte).

PERCORSI DELL’OLTRE: “FUORI, DENTRO, AL LIMITE”

La Società Italiana di Psicologia della Religione, con il patrocinio dell'ordine degli Psicologi della Lombardia, organizza l'incontro:

PERCORSI DELL’OLTRE: “FUORI, DENTRO, AL LIMITE

Casa della Psicologia, Milano – P.za Castello, 2

11 aprile 2019 - ore 15,45

Nel dialogo con Romain Rolland, Freud si era interrogato sull’idea di “sentimento oceanico”: un’immagine che evoca un profondo desiderio di unità e unione che, per la psicoanalisi, forse è ipotizzabile solo agli inizi della vita e mai sostanzialmente raggiungibile.

Nell’esperienza religiosa, estetica ed erotica questa ricerca dell’assoluto appare temperata dal costante riconoscimento dell’irrimediabile separatezza, che riporta il soggetto alla dimensione insatura del proprio desiderio nel rapporto con l’altro. Questo scenario contiene però il rischio di possibili derive, allorché ogni distanza diventa lacerazione infinita, diniego della limitatezza, della differenza, della separatezza generando forme perverse o autistiche di esperienza. Il soggetto può essere trascinato lungo vie distorte e deviate nell’appagamento del desiderio e del bisogno, dando vita ad atteggiamenti impoverenti, disadattivi o persino distruttivi.

Scarica la locandina

Scarica il programma

 

Conferenza SIPR - Milano, 22 maggio 2014

"La fede, fragile involucro del dubbio" (Lou Salomé):

Religione, illusione, psicoanalisi

Relatore: Prof. Mario Aletti

Milano, 22 maggio 2014 ore 21.00

Casa della Cultura - via Borgogna, 3 Milano 

Ingresso libero

Download Locandina

September 25-27th, 2014 - Seeing beyond/Vedere oltre

Siamo lieti di annunciare che l’Università degli Studi di Padova e il Master Death Studies & The end of life, in collaborazione con associazioni e organismi di ricerca nazionali e internazionali (tra cui la Società Italiana di Psicologia della Religione), organizza e promuove il seguente Congresso multidisciplinare internazionale, il quale si terrà a Padova dal 25 al 27 Settembre 2014.

Per i soci della SIPR, l'iscrizione al convegno è di Euro 40 fino al 31 luglio, poi diventa i 280 euro. IMPORTANTE: Nel modulo di iscrizione, ricordarsi di indicare "SIPR" sotto la voce "Soggetti associati a Enti Patrocinatori".

Programma completo/Program

Link al sito degli Atti del convegno

Segnaliamo che la nostra Società partecipa organizzando la Sessione 3

Leggi tutto...

Pre Atti 13° Convegno - Verona, 26-27 ottobre 2012

Religione, spiritualità e cura di sé. Opportunità e sfide 

Il tredicesimo congresso della Società Italiana di Psicologia della Religione intende mettere a tema e proporre al dibattito degli studiosi le possibili relazioni tra Religione, Spiritualità e Cura di sé. Nei lavori congressuali verrà considerato e valorizzato il contributo psicologico che la Religione può offrire al bisogno umano di spiritualità laicamente intesa come sviluppo della propria interiorità e come espressione autenticamente umana dell’“aver cura di sé”.